Cinque falsi miti sull’allattamento

“Non tenerlo troppo al seno. Si vizia”, “Ma che fai, ancora allatti?”, o ancora “Non puoi mangiare la cipolla!”: sono solo alcuni fra i moniti rivolti alle neomamme da una schiera indefinita di parenti e amici, per l’occasione esperti in materia di allattamento. Si tratta di falsi miti, ovvero credenze, anche parecchio diffuse, che non fanno altro che confondere e suscitare inutili dubbi e perplessità. Di seguito, troviamo cinque fra i più comuni falsi miti sull’allattamento (Alzi la mano chi non si è mai sentita rivolgere almeno una di queste affermazioni!)

10 minuti a seno, non di più: falso

Il latte varia anche in una stessa poppata. Il “primo” latte, ovvero quello che i piccoli assumono nei primi minuti di poppata, è più liquido e zuccherino, e ha l’obiettivo di dissetare. Il “secondo” latte, invece, è più denso e nutritivo, oltre che calorico. E’ importante che il bimbo assuma anche questo “secondo” latte e, perché questo sia possibile, è bene non staccarlo dal seno ma lasciarlo succhiare tutto il tempo che vuole. Sarà lui a staccarsi autonomamente. Se dopo essersi staccato da un seno, manifesta ancora appetito, offrite l’altro seno; in alternativa, l’altro seno verrà offerto nella poppata successiva.

Allatta ogni tre ore, non prima: falso

Proprio perché il latte assunto varia a seconda della poppata, non è corretto imporre degli orari al piccolo. Se si attacca al seno per agevolare il sonno, il piccolo può assumere anche solo 20 ml, per cui è probabile che richiederà nuovamente di allattare anche dopo un’ora.

Il latte materno può essere assunto senza limiti, per questo la mamma può dimenticare l’orologio per allattare ogni qual volta il piccolo lo richiede.

Devi alternare i seni: falso

Come infatti già spiegato prima, è importante che il bimbo assuma anche il “secondo” latte. Ci sono bimbi che in pochi minuti riescono a soddisfare il loro fabbisogno e altri che invece richiedono più tempo. Basta semplicemente farsi guidare da loro, che sono certamente più esperti di noi!

Divieti nel cibo: falso

Tenendo sempre conto che è bene mantenere un regime alimentare sano, l’unico divieto è quello relativo agli alcolici. Per il resto, invece, è possibile mangiare tutto: dalle verdure ai crostacei, dalle proteine ai latticini (questi è bene limitarli a prescindere dall’allattamento). Fondamentale è invece bere tanta acqua (almeno 2 litri al giorno).

Dopo un anno il latte è acqua: falso

L’allattamento è consigliato in forma esclusiva per i primi sei mesi del bimbo e, insieme al regolare consumo di cibo, fino ai 2 anni. A consigliarlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *